Valva e la sua aria barocca

Fu costruita nei pressi del luogo dove sorgeva una fiorente città, dello stesso nome, al tempo dell’impero romano. Gli abitanti della città romana, per le invasioni barbariche, abbandonarono le loro case e costruirono più in alto sul monte un nuovo borgo fondando così Valva Vecchia della quale restano ancora le rovine. In epoca più recente fu ricostruito nuovamente a valle il borgo; in epoca normanna era chiamato Balba ed era in possesso di signori locali.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Laviano, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d’Italia ha fatto parte del mandamento di Laviano, appartenente al Circondario di Campagna.

– Chiesa Madre: dedicata a San Giacomo Apostolo. Con pianta a tre navate, risale al XVIII secolo. Sulla facciata si aprono tre ingressi con portali barocchi, l’altare maggiore, in marmo, è di pregevole fattura.
– Cappella di Sant’Antonio: nei pressi di Piazza Vittorio Emanuele, la chiesa settecentesca ha un ingresso molto piccolo con un bel portale in pietra.
– Cappella della Madonna degli Angeli: ha una struttura molto semplice, a navata unica, nell’abside è collocato uno splendido affresco di epoca rinascimentale rappresentante la Beata Vergine con il Bambino, con alle spalle due angeli.
– Villa d’Ayala
– Centro Storico.
– Monumento al Milite Ignoto
– Valva Vecchia

TORNA INDIETRO